Amazon ridisegna la skyline di Seattle

Amazon ridisegna la skyline di Seattle: il campus per il gigante dell'e-commerce sarà pronto nel 2016

Amazon sta ridisegnando Seattle, città americana nello Stato di Washington e sede del gigante del commercio online. A raccontare la storia è il New York Times che ha sottolineato come la società di Jeffrey Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon, non ha chiesto nessuna agevolazione fiscale in cambio. Il piano, presentato lo scorso maggio, prevede la costruzione di tre torri simili a sfere circondate da alberi e piante che occuperanno 6.000 metri quadrati.


Si tratta di uno dei più grandi progetti di sviluppo nella storia della città, eppure la trattativa tra l'azienda e il comune è stata molto semplice. Il primo edificio è già in costruzione e la fine dei lavori è prevista per il 2016. A realizzare il progetto è stato lo studio di architettura statunitense NBBJ: sono previste torri asimmetriche, edifici di media altezza ma di misura diversa, e open space. Il progetto si estende per 3,3 milioni di piedi quadrati (1.005.840 metri quadrati) e occuperà tre isolati. Sarà una specie di campus, in una zona ancora sconosciuta della città.

Amazon lascerebbe, dunque, i suoi attuali uffici che si trovano fuori Seattle. «Dal punto di vista dello sviluppo, è fantastico per la città che una grande compagnia torni nel centro città», ha sottolineato Gundula Proksch, rappresentante della DRB per il settore di design professionale. Anche se è scettico della possibilità di riusare lo spazio a livello pubblico. Amazon è, infatti, pronta a cedere uno spazio consistente dei suoi uffici alla comunità per ottenere l'approvazione del progetto. Si dovrebbe trattare di uno spazio aperto e di un parco per cani.

Attualmente Amazon occupa 14 edifici più piccoli nella zona di South Lake Union, un quartiere di magazzini abbandonati legati al commercio marittimo ormai scomparso. Proprio in quell'area nascerà la nuova sede. «Quando abbiamo deciso di svilupparci lì, tutti hanno seguito il nostro esempio» ha detto John Schoettler, direttore di Amazon per gli immobili e i servizi globali.

Entro il 2016 sarà completato il quartier generale hi-tech. Amazon conta 97.000 dipendenti in tutto il mondo, 15.000 solo a Seattle (su una popolazione di 635.000 persone). Il New York Times racconta come le strade un tempo vuote sono ora piene di dipendenti col badge blu, che contraddistingue proprio i lavoratori del colosso di Bezos. Nell'area sono nati moltissimi ristoranti anche se nelle belle giornate i lavoratori pranzano nel giardino del Museo di Storia e dell'industria, recentemente ristrutturato proprio grazie a un contributo di 10 milioni di dollari da parte dell'amministratore delegato del gruppo di e-commerce.

E lo sviluppo di Amazon investe tutta la città: lo scorso anno Seattle ha rilasciato il maggior numero di permessi di costruzioni residenziali dal 1984, anno in cui la città ha adottato questo tipo di registri. Recentemente Bezos ha anche acquistato a titolo personale il prestigioso quotidiano Washington Post, investendo 250 milioni di dollari in un settore, quello dell'editoria cartacea, in cui pochi avrebbero scommesso.

By Il Sole24Ore